Come potenziare la leadership personale con la PNL

Perché alcune imprese continuano a crescere, mentre altre faticano a resistere o dichiarano fallimento?

Perché alcune aziende utilizzano le risorse a disposizione con maggiore efficacia, mentre altre perdono potenziali opportunità per divenire più efficienti?

Uno dei fattori chiave consiste nell’avere leader con una mentalità in grado di trasformare le idee in realtà.

Imprenditori, manager e professionisti che possiedono questa mentalità si distinguono per la capacità di gestire se stessi, sono più concentrati, determinati ed efficienti. All’opposto, chi non ce l’ha, spera che vada tutto per il meglio, ma non sempre questo accade.

Uno degli elementi distintivi per sviluppare questa mentalità consiste nel sapere dove stai andando, nell’avere una Visione Personale e obiettivi chiari in grado di concretizzare tale Visione.

Hai sempre bisogno di agire avendo in mente il punto di arrivo. Finché non sai qual è il tuo scopo, non puoi dirigere la tua vita e assicurarti la massima soddisfazione. Devi avere una Visione Personale e abituarti a stabilire degli obiettivi che concretizzano quella Visione. Non esistono scorciatoie!

È molto importante perché è da essa che deriva il tuo livello di interesse e di spinta verso il futuro. È ciò che ti fa buttare giù dal letto la mattina e ti tiene in piedi quando le cose si fanno difficili. Inizia trovando per il tuo futuro una Visione che ti ispiri davvero. E, ricordala ogni giorno.

La nostra domanda è:

Qual è l’obiettivo più importante che intendi raggiungere nel tuo business?

Tutti i grandi leader, come sai, hanno una visione e un focus. Tuttavia, non devi confondere la tua Visione Personale con la visione strategica dell’organizzazione per la quale attualmente lavori o dell’azienda che dirigi.

La differenza tra Visione Personale e Vision Aziendale…

Leggi tutto “Come potenziare la leadership personale con la PNL”

Come ottenere il massimo dai propri collaboratori grazie al Coaching

In un mondo in cui l’evoluzione tecnologica, culturale e sociale ha raggiunto ritmi sempre più alti, per le aziende nascono sfide sempre più competitive (vedi l’ultima impresa “SpaceX” di Elon Musk).

Per stare al passo con i tempi e superare queste ardue prove, il Manager di oggi deve avere al suo seguito un Team di collaboratori preparato e, soprattuto, motivato nel perseguire lo scopo e gli obiettivi aziendali.

La motivazione è qualcosa che nasce e si alimenta nel cuore e nella mente delle persone.

Per far trovare la motivazione ai propri collaboratori non è più sufficiente adottare i vecchi schemi di management come: il classico “bastone e carota”, il premio per il raggiungimento di un risultato o l’inondare gli uffici di frasi fatte come “se vuoi, puoi”.

Tutti questi sistemi hanno effetti a breve termine e non consentono al collaboratore di trovare la propria motivazione ed esprimere al massimo il proprio potenziale. 

Richiamando le parole dell’autorevole Henry Ford:

“Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, lavorare insieme è un successo.

La sfida del Manager contemporaneo è riuscire a creare con i propri collaboratori la giusta alchimia, realizzando un progetto a lungo termine puntando sul potenziale che ogni singola persona può esprimere.

E la soluzione è a portata di mano. Qual è? È il Coaching!

Finalmente anche in Italia la metodologia del Coaching si sta diffondendo a macchia d’olio, riscuotendo un inevitabile successo. Successo incentrato sulla sua semplicità e, soprattutto, sul totale cambiamento di visione della persona, non più legata alle prestazioni bensì al suo potenziale.

Timothy Gallwey, padre del Coaching moderno, ha individuato la soluzione nell’essenza del Coaching perché spostando il focus sul potenziale e lavorando sulla sua massima espressione, è possibile ottenere da ogni persona la massimizzazione delle proprie prestazioni. 

Come fare per ottenere questo risultato?

Leggi tutto “Come ottenere il massimo dai propri collaboratori grazie al Coaching”

Hai mai pensato di diventare coach?

Ci piace darti un dato lavorativo certo degli ultimi anni, nel mondo e anche in Italia, questo dato è che si fa un gran parlare di coach e coaching!

Un po’ di dati:Wired Italia scrive che il coaching è all’ottavo posto tra le professioni del futuro!Il Financial Times scrive che, in ambito aziendale, se la classica formazione aumenta la produttività del 22%,  il coaching arriva all’88%. E sempre il Financial Times cita che privati e professionisti, che hanno utilizzato un servizio di coaching, hanno avuto un ritorno medio del 350% del loro investimento.

In una Ted Talk del 2013, Bill Gates ha spiegato chiaramente che per crescere e migliorare ognuno di noi ha bisogno di un coach“Perché sono i feedback che ci fanno crescere. Il coach fa proprio quello.”Nella foto qui in basso, noi di Coaching PNL & Training eravamo a specializzarci sulla negoziazione, puoi vedere Stuart Diamond, il maggior esperto mondiale sui temi della negoziazione, che come prima slide del suo intervento ci dice che “Tutti hanno bisogno di coaching!”

Insomma, in un periodo storico così veloce e spesso senza certezze, il coaching si attesta come una valida figura di aiuto con dati economici sempre in crescita.Ora, che tu voglia intraprendere un percorso di crescita personale o voglia valutare di fare del coaching una professione economicamente remunerativa, questo è il momento perfetto per iniziare a lavorare concretamente nella direzione dei tuoi obiettivi.Acquisendo gli strumenti di coaching e di Programmazione Neuro-Linguistica, come spesso diciamo in aula, puoi fare ben tre cose:

Leggi tutto “Hai mai pensato di diventare coach?”

Le 6 caratteristiche del leader efficace

Più volte ci siamo domandati: quali sono le caratteristiche del leader efficace?

Le risposte spesso sono state molto diverse: qualità specifiche, competenze (hard skills), ma anche soft skills, approccio mentale, attitudine ad ispirare, entusiasmare e motivare.

Spesso, viene fuori che la figura del leader assomiglia ad un enorme puzzle composto da numerosissimi pezzi.

Alchimia, pura coincidenza di eventi o predisposizione naturale?

Intorno al concetto della leadership si è spesso discusso, arrivando alla conclusione che un vero leader si può riconoscere fin da subito. Insomma, leader si nasce.

In realtà, essere un leader efficace non è solo frutto di una predisposizione innata, ma si può diventare seguendo in maniera mirata precisi comportamenti. Un leader efficace, quindi, si può costruire “a tavolino”.

Come?

Lavorando duramente su sé stessi, agendo sul proprio mindset e ripensando i comportamenti di ogni giorno.

E quali sono le 6 caratteristiche del leader efficace?

Scopriamole insieme!

1. Trasmette positività

Se sei tu il primo a pensare di non farcela, allora lascia stare, la leadership non fa per te!

Per essere riconosciuto come leader, tu stesso devi essere il motore dell’ottimismo, condividendo la tua visione e trasmettendo in maniera concreta la tua passione.

Leggi tutto “Le 6 caratteristiche del leader efficace”

Quali sono le 3 fasi del rapporto mentore-allievo?

Perché ci teniamo a spiegare quali sono le 3 fasi alla base del rapporto mentore-allievo?

Perché c’è una confusione di ruoli.

Per evitare il rischio della dipendenza.

La figura del mentore è già presente nell’antica Grecia ed è impersonificato da Atena, dea della saggezza, che guida e protegge il viaggio di Ulisse.
La figura del mentore è un po’ diversa da quella dell’insegnante perché non ha un ruolo formale, “tecnico”, rappresenta più un consigliere fidato, una guida autorevole e protettiva al tempo stesso, capace di guidarti, di stimolare le tue risorse e di accompagnarti nel tuo viaggio di crescita personale.

Il mentore non è un Dio, non è un guru a cui affidarti ciecamente e a cui obbedire senza se e senza ma, è semplicemente una guida saggia che è diventata tale grazie allo studio a cui si è dedicato, alle esperienze che ha fatto, alle risorse interiori che è riuscito a sviluppare, ai cambiamenti che ha realizzato nella sua vita, alla sua capacità di intuizione e di chiaroveggenza e alla sua capacità di aiutare gli altri con amore e saggezza.

Il mentore è una persona che è ad un livello di crescita e di evoluzione più elevato del tuo, non perché è un Dio sceso in terra, ma perché ha già compiuto quei passi che tu devi compiere ancora, perché ha gia fatto quelle esperienze che tu ancora devi fare, perché ha già compreso cose che tu ancora devi comprendere e, pertanto, riesce ad illuminare il tuo cammino.

Leggi tutto “Quali sono le 3 fasi del rapporto mentore-allievo?”

Leadership: i diversi stili in un’infografica

Oggi, in un mercato così dinamico e fluido, la leadership è una competenza fondamentale per imprenditori, manager e professionisti. E quando se ne parla, possiamo fare riferimento ad un fiume di letteratura esistente sull’argomento.

In questo articolo, il nostro obiettivo è aiutarti ad implementare, velocemente e con successo, le tue abilità di leader, attraverso una sintesi dei diversi stili di leadership che puoi utilizzare per gestire al meglio le situazioni e le persone con cui lavori.

Ognuno di noi ha una maggiore predisposizione per uno o più stili di leadership. Esercitiamo la leadership ogni volta che ci mettiamo alla guida di un gruppo di persone, oltre che nel modo in cui guidiamo noi stessi.

Essere leader significa diventare un modello, una guida e un punto di riferimento che conduce le persone verso i risultati desiderati.

Sono molteplici gli ambiti in cui agiamo da leader: in ambito professionale, in famiglia, nel gruppi di amici. E ognuno di noi ha uno stile diverso a seconda della propria attitudine e alla propria identità.

Quanti sono i diversi stili di leadership e in cosa differiscono?

Leggi tutto “Leadership: i diversi stili in un’infografica”

Fare business con la leadership

“Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, lavorare insieme è un successo”.

Questa frase di Henry Ford suona come un invito a coltivare le proprie competenze di leadership, ma in realtà racchiude molto di più: per raggiungere grandi risultati hai bisogno di collaborare al meglio con altre persone.

Essere in grado di esercitare una leadership efficace dovrebbe essere una delle principali competenze di qualsiasi imprenditore, manager o professionista che lavori a contatto con le persone, soprattutto per sviluppare e mantenere un business florido e sostenibile.

Il business è fatto di persone e relazioni.

Sicuramente, occuparsi del brand, del prodotto, del marketing e della vendita è importante per il successo del business, ma non dimenticare gli aspetti relazionali del rapporto con i clienti interni (i tuoi collaboratori) ed esterni (chi acquista il tuo prodotto/servizio).

La leadership è una competenza da allenare e sviluppare, che può fare la differenza tra un business di successo e uno fallimentare, tra un rapporto di fiducia solido e duraturo e uno saltuario, con conseguenze negative come l’eccessivo turnover dei collaboratori o la bassa fidelizzazione dei clienti.

Leggi tutto “Fare business con la leadership”

Le 7 competenze per avere successo!

Tutte le persone vogliono avere successo! Ma cos’è davvero il successo? 
Proprio perche lo slogan della nostra scuola Coaching PNL & Training è Ti alleniamo al successo” ci teniamo a precisare cosa intendiamo per successo. Successo non vuol dire avere soldi, potere o grandi macchinoni, significa, “semplicemente”, far succedere ciò che si desidera!


Se vuoi essere una buona madre e riesci ad esserlo, hai successo.
Se vuoi guadagnare 1 milione di euro e il tuo conto in banca segna questa cifra, hai successo.
Se vuoi sentirti ogni giorno felice e lo sei, hai successo.


Dato che i desideri sono diversi in ogni persona, non c’è un’unica definizione di successo; d’altra parte, ci sono delle competenze che ogni persona non può non avere per diventare una persona di successo! 

1. COMPETENZE DI GOAL SETTING: tutte le persone di successo sanno chiaramente ciò che vogliono e se non lo sanno fanno in modo di saperlo! Come? Ritagliandosi del tempo solo per sè e definendo i propri obiettivi oppure richiedendo un aiuto esterno, che sia un coach professionista o un corso di crescita personale.
Non potrai mai raggiungere ciò che vuoi se non sai cosa vuoi. Da qui non si scappa.

Leggi tutto “Le 7 competenze per avere successo!”

Il principio di Pareto: più risultati in meno tempo

L’economista e sociologo Vilfredo Pareto, conosciuto per la sua applicazione della matematica all’analisi economica, sviluppò un concetto chiave di gestione del tempo. Studiando la distribuzione dei redditi, nel 1897 dimostrò che in una data regione solo pochi individui possedevano la maggior parte della ricchezza. E questo studio prese il nome di principio di Pareto.

Oggi il principio di Pareto è stato ampliato in quella che viene comunemente chiamata “regola 80/20”. Questa regola stabilisce che l’80% degli effetti o dei risultati che ottieni sono la conseguenza del 20% delle cause e quindi dei tuoi sforzi.

Puoi intuire come questo principio ha a che fare con molti aspetti della tua vita. Osserva attentamente la tua vita. E’ molto probabile che il 20% delle tue relazioni personali sia il motivo dell’80% della tua felicità nella tua vita. Il 20% delle tue convinzioni regola l’80% dei tuoi comportamenti. E così via.

Il principio di Pareto ha anche attinenza con molti aspetti del mondo del business. Solitamente, il 20% dei tuoi clienti rappresenterà l’80% delle tue vendite. Il 20% dei tuoi prodotti rappresenterà l’80% delle tue entrate. Il 20% delle iniziative di marketing frutterà l’80% dei tuoi risultati.

Cosa c’entra tutto ciò con la produttività personale e il successo?

Leggi tutto “Il principio di Pareto: più risultati in meno tempo”

I 10 principi della nuova leadership con il coaching

Nel precedente post “La nuova leadership con il manager coach”, abbiamo illustrato le grandi potenzialità del coaching che il manager di oggi può sfruttare per motivare i propri collaboratori, massimizzarne la produttività e alimentarne lo spirito di squadra.

Affinché tutto ciò si verifichi, è necessario far leva su empatia, integrità e imparzialità, ossia bisogna adottare uno stile personale nuovo che trasforma il “capo” in un leader, capace di responsabilizzare, motivare e riconoscere, nell’interesse di tutti.

In questo post analizzeremo alcuni principi guida, e le relative competenze, dei manager che gestiscono il proprio staff secondo la metodologia del coaching.

Ecco i 10 PRINCIPI DELLA NUOVA LEADERSHIP CON IL COACHING!

Leggi tutto “I 10 principi della nuova leadership con il coaching”